Questo sito fa uso dei cookies al fine di rendere migliore l´esperienza di navigazione rispettando le normative di legge in termine di tutela dei dati personali. Premendo sul pulsante "Accetto" confermerai l'autorizzazione a ricevere i cookies dal sito mentre premendo sul pulsante "Maggiori Informazioni" potrai leggere l'intera informativa. In caso di rifiuto, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito e specialmente alcune parti di esso potrebbero non funzionare correttamente.

Ransomware, sempre più subdoli e si prendono gioco dell'utente

Nel campo della sicurezza informatica una delle minacce più pericolose diffusasi negli ultimi anni è rappresentata dai ransomware, ovvero quella categoria di malware che cifra completamente il contenuto dell'hard disk e chiede all'utente il pagamento di un riscatto con la promessa di fornire la chiave di cifratura per rientrare in possesso del contenuto dell'hard disk. Si tratta di software che stanno diventando via via più difficili da contrastare e sempre più subdoli, con l'unico scopo di mettere l'utente nella condizione di non avere altra scelta se non quella di pagare il riscatto.

Un caso recente di particolare interesse è quello di Chimera, che ha come bersaglio principale le aziende. Nel tentativo di mettere più pressione alle vittime, il malware minaccia la pubblicazione di fotografie e altri dati personali da qualche parte sulla rete, a meno che venga pagato un riscatto in bitcoin equivalente a circa 650 dollari. Non vi è per ora alcuna prova che il nuovo ransom/cryptoware renda di pubblico dominio i dati dell'utente, ma la minaccia è evidentemente sufficiente a smuovere l'indecisione della malcapitata vittima a pagare il riscatto.

Il malware minaccia l'utente di ciò solamente dopo aver cifrato non solo i dati presenti sugli hard disk locali, ma anche sui drive di rete collegati al sistema. Tutte le estensioni dei file sono inoltre cambiate in .crypt per confondere ancor di più le idee. Chimera, infine, è programmato per colpire impiegati specifici all'interno di un'azienda, probabilmente coloro i quali hanno più frequentemente accesso a dati sensibili/importanti, per assicurarsi che la richiesta di riscatto non venga ignorata.

Leggi l'articolo completo

Fonte: Hardware Upgrade (www.hwupgrade.it), 07/11/2015

Office 2016 al debutto, la parola d'ordine è collaborazione

Disponibile anche per Windows il nuovo Office 2016, che punta in particolar modo sul concetto di collaborazione e teamworking allo scopo di abilitare modelli di lavoro flessibili e intelligenti. Già disponibile anche per gli utenti Office 365.

Microsoft lancia ufficialmente Office 2016, la suite di programmi che da ormai quasi 30 anni è sinonimo di produttività personale e professionale. La nuova versione di Office si concentra in particolare sugli aspetti di collaborazione e team-working, ottimizzando tutte le applicazioni in questa direzione.

Il nuovo Office 2016 è ovviamente stato sviluppato pensando alla sinergia con Windows 10, integrandosi con le nuove funzionalità come Sway, Windows Hello e Cortana. Office 2016 offre una nuova versione delle Office app per desktop Windows – tra cui Word, PowerPoint, Excel, Outlook, OneNote, Project, Visio e Access. In tema di collaborazione Word (e successivamente PowerPoint e OneNote) offre funzionalità di co-auhoring integrate che permettono a più utenti di digitare contemporaneamente su un documento e visualizzare le modifiche che altri stanno apportando. Le permission sono assegnate in maniera facile e veloce al momento della condivisione del documento, e il tutto avviene all'interno dell'applicazione. Molto interessante, sempre nell'ambito della collaborazione, è il nuovo sistema di allegati di Outlook 2016 che permette al momento stesso in cui si allega un file di assegnare le permission per la lettura o la modifica.

Leggi l'articolo completo

Fonte: Hardware Upgrade (www.hwupgrade.it), 22/09/2015

Windows Server 2003: fine del supporto

Microsoft ha annunciato per il 14 luglio 2015, la fine del supporto esteso per Windows Server 2003. Questo sta ad indicare che, successivamente a tale data, non sarà più disponibile il supporto assistito da parte del brand. Non verranno più rilasciati aggiornamenti relativi alla sicurezza e patch.  Ne consegue che i sistemi saranno soggetti ad una maggiore vulnerabilità i termini di sicurezza e potrebbero non soddisfare più i  requisiti di conformità.

Il panorama tecnologico, dal lancio di Windows Server 2003 ad oggi, si è notevolmente modificato: il consolidamento delle tecnologie di  virtualizzazione, il proliferare del cloud computing, l’ampia diffusione di nuovi device e la conseguente possibilità di connessione remota ai  server aziendali, nonchè la crescente produzione di dati e la necessità delle aziende di utilizzarli al meglio a vantaggio del proprio business,  hanno creato nuove sfide che l'IT deve fronteggiare.

L'aggiornamento a Windows Server 2012 R2 consente di modernizzare la rete con risparmi significativi e consente di ottenere una  protezione globale dei dati e di migliorare la produttività dei tuoi collaboratori.

F&B Systems, in qualità di Partner Microsoft certificato, è in grado di affiancarti e assisterti nella pianificazione delle attività di migrazione  verso Windows Server 2012 R2 e fornirti le risorse aggiuntive disponibili.

Qui link ufficiale a pagina Microsoft